Gioia di vivere al polso

13/10/2020

Con i nuovi modelli Meister Automatic, Junghans fa rivivere gli anni ‘50. Un’epoca di ripartenza e gli anni d’oro della meccanica dell’orologeria.



Gli anni ‘50 e ‘60 sono sinonimo di spirito di ripartenza e gioia di vivere. Dopo anni di privazioni arriva il boom economico e le persone possono finalmente tornare a godersi la vita, viaggiare e togliersi degli sfizi. L’orologio da polso meccanico si fa simbolo di questa nuova qualità della vita, divenendo un apprezzato accessorio decorativo da acquistare e regalare in occasioni speciali.

I nuovi modelli Meister Automatic di Junghans trasportano la vitalità di quei tempi all’oggi. Come gli altri componenti della linea Meister sono caratterizzati dai distintivi elementi di design dei loro storici predecessori, raccontando al contempo - in modo particolarmente autentico - la storia del Meister, che ebbe origine negli anni ‘30 per poi vivere il suo periodo di massima fioritura negli anni ‘50.

Come era comune nel design degli anni ‘50, le lancette a punta del nuovo Meister Automatic sono munite di una striscia centrale scura. Il quadrante ridotto all’essenziale è dotato di un indi-ce a doppio tratto alle ore 12, e anche il cinturino in pelle di vitello segue i canoni di design dell’epoca: una fine linea senza cucitura sulla pelle superiore, com’era tipico negli anni ‘50, com-pleta l’elegante aspetto complessivo di questo orologio. Sul retro della cassa, il fondello a vista consente inoltre di dare uno sguardo al movimento automatico.

Il Meister Automatic è una reinterpretazione in chiave moderna dello storico modello degli anni ‘50, l’epoca d’oro della meccanica e un tempo di ritrovata gioia di vivere.